Privacy Policy

In Beauty, Health, Life Style, Skin Care

Abbronzatura: come mantenerla a lungo e come evitare di spellare

mantenere la tintarella

Se siete già rientrate dalle vacanze, come la sottoscritta, sicuramente sarete già in preda alla nostalgia più potente. Inoltre avrete anche voglia di mantenere il più a lungo possibile uno degli aspetti vacanzieri più evidenti: la tintarella. Se, invece, siete entrate in ferie da poco, o ci andrete a breve, questo post vi aiuterà in maniera preventiva a capire come mantenere l’abbronzatura più a lungo ed evitare di spellare.

Premesso che una protezione adeguata (50+ inizialmente, e 30 in seguito) è indispensabile sia a mantenere la pelle sana, sia per ottenere una doratura graduale senza spellare, c’è qualche piccolo accorgimento che si può adottare per evitare spiacevoli inconvenienti estetici.

La crema corpo è la tua migliore amica

Scegliete un bagnoschiuma delicato neutro, evitate l’acqua troppo calda nella doccia e, soprattutto, nutrite la pelle dopo esservi lavate.

Lo so, è un po’ una rottura certe volte. Dopo la doccia vogliamo solo buttarci sul letto o sul divano, il mare fa venire una sonnolenza niente male. Eppure saltare lo step della crema idratante doposole è un errore madornale. I raggi UV, per l’appunto, sono molto aggressivi durante i mesi estivi, e rischiano di danneggiare e disidratare eccessivamente la pelle.

Che prodotti scegliere?

Ecco perché è importante scegliere un prodotto lenitivo delicato, meglio ancora se specifico. Ottimo quello di Avène e quello di Lavera, entrambi con prezzi contenuti. Se non vi va di acquistare un prodotto specifico (anche se sarebbe decisamente meglio), va bene anche un buon burro corpo delicato e idratante, come ad esempio quello ai sali del Mar Morto di Alma K.

Non rinunciate, inoltre, allo scrub. A differenza di quello che si crede non toglie assolutamente l’abbronzatura, ma solo le cellule morte. Ovviamente nulla di troppo aggressivo, meglio ancora se naturale come QUESTO.

Qualche altro piccolo consiglio

Cosa altro può aiutare? La dieta! Alimenti arancioni, rossi e gialli aiutano la tintarella e il suo mantenimento. Beta-carotene, Vitamine A,B, ed E sono alleati preziosissimi durante l’estate. Anche bere molto aiuta la pelle a mantenere un bel colorito sano e a non spellare. In fine evitate i profumi a base alcolica, sono troppo aggressivi e accelerano la scomparsa dell’abbronzatura, ma anche l’aria condizionata diretta: secca terribilmente la pelle.

SOS Spellatura

Eh sì, sappiamo quanto è fastidioso, anche se solo a livello estetico. Innanzitutto c’è una cosa fondamentale da capire molto importante. Cosa? Se spellate prima di esservi effettivamente abbronzate per bene, allora avete preso una bella scottatura.

Potrebbe anche non darvene l’impressione, eppure se spellate dopo la prima o la seconda esposizione al sole, c’è decisamente qualcosa che non va. Forse avete messo poca protezione solare, o forse non l’avete riapplicata per pigrizia, o magari avete esagerato con i bagni di sole. Sarebbe bene, infatti, farli per gradi, e mai nelle ore più calde (dalle 12 alle 16,00 per essere chiari).

Se succede, è bene intervenire presto e scegliere il gel di aloe vera, o prodotti a base di calendula e camomilla. Degli impacchi sono l’ideale subito dopo la scottatura, così come l’applicazione di un olio nutriente come quello di mandorla dolce. Da evitare gli strofinii con spugne abrasive o gli abiti che stringono eccessivamente, si rischia solo di accelerare il processo e peggiorarlo. Anche stavolta uno scrub delicato può aiutare, a patto che i granuli siano sottili e delicatissimi.

Share Tweet Pin It +1
Previous PostFillerina 12 Restructuring-Filler Plumping Mask
Next PostIl metodo salva-sonno giapponese di Etsuko Shimizu funziona? Ecco la mia esperienza

No Comments

Leave a Reply